Mercoledì, 17 Luglio 2019
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

Il Programma Alimentare Mondiale fornisce viveri ai siriani in fuga dagli scontri verificatisi ad Aleppo

04 23 2014Syria Childrennew

10 feb – Il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (WFP) ha dichiarato di aver iniziato a distribuire aiuti alimentari urgenti agli sfollati a causa della recente impennata di violenza a nord di Aleppo.

I viveri sono stati trasportati in convogli transfrontalieri dalla Turchia fino alla piccola città di A’zaz nella zona nord-ovest della Siria, 30 km a nord ovest di Aleppo, e vicino al confine tra Siria e Turchia.

Nei prossimi giorni ulteriori aiuti alimentari raggiungeranno circa 21,000 persone, per far fronte alla urgente necessità scaturita della recente ondata di sfollati.

La situazione è pericolosa nella zona nord di Aleppo, con famiglie in movimento alla ricerca di sicurezza, ha detto in un comunicato stampa Jakob Kern, Responsabile del WFP in Siria.

“Siamo molto preoccupati perché le strade e i percorsi di approvvigionamento che vanno dal nord all’est di Aleppo e nelle zone circostanti sono state interrotte, ma stiamo facendo tutti gli sforzi possibili per portare gli alimenti sul posto per tutte le persone che ne hanno bisogno utilizzando il valico di frontiera rimasto aperto dalla Turchia”, ha aggiunto.

Prima dell’intensificazione dei combattimenti nella zona nord di Aleppo, il Programma Alimentare Mondiale consegnava regolarmente alimenti dall’altra parte del confine turco al governatorato di Aleppo e di Idleb attraverso i valichi di frontiera di Bab al-Hawa e di Bab al-Salam.

“Il WFP invita tutte le parti in conflitto ad agevolare un facile accesso a queste comunità in modo da poter fornire un soccorso immediato alle famiglie che hanno già sofferto per molto tempo”. Ha aggiunto Kern.

In una conferenza stampa a Ginevra l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) ha osservato che diverse organizzazioni non governative (ONG) nella zona nord di Aleppo stanno fornendo assistenza e aiuti umanitari agli sfollati interni.

Nel frattempo, le autorità turche stanno accettando persone vulnerabili e ferite nel paese. Secondo il portavoce dell’UNHCR William Spindler, il Programma Alimentare Mondiale ha chiesto alla Turchia di aprire i suoi confini a tutti i civili provenienti dalla Siria che stanno scappando dal pericolo e stanno cercando protezione internazionale. Inoltre, ha detto, che ci deve essere una soluzione politica al conflitto ma che nel frattempo l’UNHCR sta affrontando le sue conseguenze sul lato umanitario”

 

Per approfondire cliccare qui

SDG Poster 2018 2

Banner
Banner
Banner
Banner

united to reform web banner 250px