Sabato, 21 Settembre 2019
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

Promuovere società pacifiche e inclusive investendo nei giovani: l'azione dell'UNESCO

 UNESCO YOUTH

29 giu - Promuovere società inclusive e pacifiche, contrastare la propaganda estremista e i fenomeni di radicalizzazione, proteggere il patrimonio culturale comune: sono obiettivi che richiedono alle società di investire nei giovani, consentendo loro di mettere in gioco energie, creatività e conoscenze nell’esercizio di una cittadinanza globale consapevole.

E’ lo spirito che anima l’azione dell’UNESCO per i Giovani, che nella risposta a tale sfide coniuga il potenziale creativo delle giovani generazioni con le opportunità dischiuse dalle tecnologie digitali, responsabili di trasformazioni radicali nei modi di concepire ed esprimere la diversità culturale, così nei metodi di apprendimento e comunicazione

Le iniziative concepite nel quadro d’azione UNESCO per i Giovani coinvolgono una pluralità di destinatari e portatori d’interessi - comunità giovanili online, educatori e insegnanti, media regionali e altri professionisti dell’informazione - favorendo contatti e contaminazioni tra spazi e canali d’intervento differenti, dalle attività di ricerca alle campagne sui social media, da corsi di formazione all’installazione di luoghi riservati all’espressione artistica. Tale strategia programmatica integra nella sua cornice la campagna #Unite4Heritage, che si propone di sensibilizzare l’opinione pubblica sui valori della diversità culturale e della comprensione delle diverse culture del mondo.

unite for heritage

Gli interventi si articolano intorno a quattro assi principali, con un focus privilegiato sui livelli nazionale e regionale e l’adozione di una prospettiva di genere:


• Sostenere la ricerca multidisciplinare sui legami tra i giovani, internet, la radicalizzazione/de-radicalizzazione, insieme a politiche ed azioni informate da tale ricerca. L’UNESCO sostiene le reti di ricerca internazionali nello studio dei legami tra i comportamenti dei giovani dentro e fuori i media digitali, le loro abitudini sul web e i fenomeni di radicalizzazione online. L’UNESCO sostiene inoltre l’istituzione di un pool di esperti internazionali chiamati a definire concetti e pratiche, formulare politiche e valutare l’impatto di strategie nazionali e locali contro la radicalizzazione dei giovani online.

Sviluppare le competenze e le capacità delle comunità di giovani e di portatori d’interessi di primo piano, tra cui amministratori web e responsabili di comunità attive online, nel prevenire, denunciare e rispondere alla propaganda estremista. Tra gli strumenti in uso, corsi online ad accesso libero (Massive Open Online Courses, MOOCs), campagne sui social media e corsi di formazione per professionisti – educatori, operatori sociali, autorità religiose- coinvolti in attività di assistenza e ascolto per giovani a rischio di radicalizzazione.

Rafforzare l’impegno e la cooperazione tra i professionisti dell’informazione per contrastare la radicalizzazione e la retorica dell’intolleranza, con un focus sui paesi attraversati da tensioni e conflitti. I media hanno grandi responsabilità nel modellare credenze e orientare i comportamenti sociali. Talvolta, essi corrono il rischio di diventare, più o meno consapevolmente, un veicolo della propaganda intollerante, in un periodo in cui è più che mai urgente combattere l’odio e la radicalizzazione. Il bisogno di un’informazione accurata, rigorosa e rispettosa della realtà è a tal proposito essenziale. Con l’obiettivo di proteggere l’integrità dei giornalisti, promuovere buone pratiche e standard professionali di qualità, l'International Programme for the Development of Communication dell’UNESCO (IPDC) promuove bandi per la presentazione di proposte sul dialogo interculturale, il contrasto alla strumentalizzazione delle divisioni identitarie e l'apprendimento di teorie e tecniche della risoluzione dei conflitti nel mondo dei media, su cui sviluppare iniziative e programmi.

Sostenere campagne di comunicazione e attività d’informazione rivolte a decisori politici, opinion leader e comunità di giovani online. Facendo leva sulla campagna #Unite4Heritage e combinando media tradizionali e social network, L’UNESCO sostiene la divulgazione di storie di giovani vittime della radicalizzazione e la produzione di potenti narrative in grado di indebolire il richiamo della retorica estremista, mettendo in luce l’importanza di contrastare le cause della radicalizzazione attraverso azioni positive improntate al dialogo, alla comprensione reciproca e all'investimento nelle energie giovanili.

 

Per saperne di più, consulta il documento Empowering Youth to Build Peace - UNESCO2015

SDG Poster 2018 2

Banner
Banner
Banner
Banner

united to reform web banner 250px