Sabato, 20 Luglio 2019
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

Messaggio del Segretario Generale per la Giornata internazionale contro i test nucleari

 featured image index

29 ago- Come Segretario Generale delle Nazioni Unite da quasi un decennio, ho assistito a molti dei più gravi problemi mondiali nonché alla nostra abilità collettiva di reagire in modi che a volte sembravano impossibili. La nuova e ambiziosa Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile e l’Accordo di Parigi sul cambiamento climatico hanno dimostrato il potere della volontà politica di rompere situazioni di stallo prolungate. In questa Giornata Internazionale contro i test nucleari, chiedo al mondo di fare appello a un senso di solidarietà che sia all’altezza del bisogno urgente di porre fine all’impasse pericolosa di questo problema.

Oggi è passato un quarto di secolo dalla chiusura del sito di esperimenti nucleari di Semipalatinsk in Kazakistan, il punto zero per più di 450 test nucleari. Alle vittime di quella zona si aggiungono le altre sparse per l’Asia Centrale, il Nord Africa, il Nord America e il Sud Pacifico.

Il divieto su tutti i test nucleari segnerà la fine di questo passato velenoso. Darà impulso ad altre misure di disarmo, mostrando che la cooperazione multilaterale è possibile, e costruirà la fiducia per altre misure di sicurezza regionali, tra cui una zona mediorientale libera dalle armi nucleari e da qualunque altra arma di distruzione di massa.

Quando ho visitato Semipalatinsk nel 2010, ho visto il danno nucleare, ma ho anche assistito alla risolutezza delle vittime e dei sopravvissuti e condivido la loro determinazione nel combattere per un mondo libero dalle armi nucleari.

Dalla sua adozione 20 anni fa da parte dell’Assemblea Generale, il Trattato sulla messa al bando totale dei test nucleari (CTBT) deve ancora entrare in vigore. Dati i rischi catastrofici posti dalle armi nucleari alla sicurezza collettiva umana e ambientale e perfino alla nostra stessa esistenza, dobbiamo rifiutare questa situazione di stallo.

Esorto gli Stati Membri ad agire adesso. Gli Stati la cui approvazione è necessaria per far entrare in vigore il Trattato non devono aspettare l’azione degli altri. Anche solo una ratifica può servire da salvavita. Tutti gli Stati che non l’hanno fatto devono sottoscrivere e ratificare perché ogni ratifica rafforza l’universalità e accende i riflettori in maniera più pressante sui paesi che non riescono ad agire.

In questa Giornata, sollecito tutti i Paesi e i popoli a lavorare affinché il CTBT entri in vigore il prima possibile, in modo tale che si possa progredire verso un mondo libero dalle armi nucleari.

Per saperne di più sulla Giornata, clicca qui

SDG Poster 2018 2

Banner
Banner
Banner
Banner

united to reform web banner 250px