Domenica, 25 Agosto 2019
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

La finanza innovativa in soccorso dell'Agenda ONU 2030 (IFAD)

IFAD Investire Agricoltura Conferenza

La finanza innovativa in soccorso dell'Agenda ONU 2030: oggi e domani all'IFAD una conferenza internazionale cerca nuove modalità di investimento per sradicare povertà e fame nel mondo

27 genn - «Servono azioni urgenti mirate a garantire uno stanziamento di  265 miliardi all'anno necessari per realizzare i primi due obiettivi di sviluppo sostenibile ponendo così fine alla povertà e alla fame nel mondo entro il 2030», ha dichiarato il presidente del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo dell'Onu (IFAD), Kanayo F. Nwanze, durante la  sessione di apertura dei lavori della conferenza internazionale "Investire nella trasformazione rurale inclusiva: approcci innovativi al finanziamento", tenutasi  presso il Ministero dell'Economia e delle Finanze italiano.

«Dobbiamo trovare strategie nuove di utilizzo dei fondi pubblici e modalità innovative per mobilizzare gli investimenti», ha aggiunto Nwanze soffermandosi sulla necessità di facilitare gli investimenti del settore privato e delle organizzazioni filantropiche nelle aree rurali dove si registrano  i tassi più alti di povertà e fame.

Nel suo discorso di apertura, il ministro dell'Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan, ha sottolineato quanto sia importante assicurare alle popolazioni rurali accesso ai sevizi finanziari in modo da permettere loro di investire sul proprio sviluppo. La maggior parte di tali popolazioni lavora in piccole aziende agricole e si calcola che la differenza tra i fondi di cui necessitano e quelli che sono effettivamente disponibili ammonti a 150 miliardi di dollari.

«Lo Stato, senza intervenire direttamente nei finanziamenti allo sviluppo rurale, deve creare un ambiente favorevole», ha sottolineato il ministro, aggiungendo che l'Italia, in quanto presidente del G7 nel 2017, porterà  avanti questa strategia.

Tutti i relatori della conferenza si sono trovati d'accordo nel ribadire che i governi non debbano  essere lasciati da soli. Nel 2015 l'aiuto pubblico allo sviluppo (Aps) è stato di 192 miliardi di dollari e solo 9 miliardi di dollari sono stati destinati all''agricoltura.

La conferenza si colloca in un momento critico, caratterizzato da cambiamenti politici e crisi umanitarie (guerre, flussi migratori importanti, disastri naturali) che costringono a rivedere le priorità internazionali ed eventualmente a sottrarre finanziamenti destinati allo sviluppo.

«Nonostante decenni di impegni e sforzi considerevoli per porre fine alla povertà e alla fame nel mondo, quasi ottocento milioni di bambini, donne e uomini soffrono ancora la fame ogni giorno e circa lo stesso numero di persone vive in condizioni di estrema povertà - ha ricordato il presidente Nwanze,  - c'è bisogno di intervenire urgentemente». 

La maggioranza di queste popolazioni povere e affamate vive in zone rurali nei paesi in via di sviluppo. Gli investimenti devono avere l'obiettivo di trasformare tali aree agricole in luoghi vivaci che offrano alle persone la possibilità di avere un lavoro e vite dignitose.

Nwanze ha sottolineato che lo sviluppo necessita di finanziamenti di grandi entità, ma può dare anche grandi opportunità. «Il settore agroalimentare è un settore di 5mila miliardi di dollari, e sta crescendo»,  ha ribadito. E ha poi aggiunto: «E' un settore che può dare molto agli investitori privati e ai produttori nei paesi in via di sviluppo».

Ricordando come la recente globalizzazione abbia creato un aumento delle differenze sociali, il premio Nobel Eric Maskin ha concluso con un' esortazione: «dipende soltanto da noi se la globalizzazione riesca o no ad essere utile a tutti».

Oggi e domani la conferenza "Investire nella trasformazione rurale inclusiva: approcci innovativi al finanziamento" riunirà agenzie per lo sviluppo, governi, organizzazioni filantropiche, organizzazioni di contadini, istituzioni accademiche e settore privato con lo scopo di trovare modalità nuove di mobilitazione di denaro e sistemi ancora più intelligenti per investirlo. La due giorni permetterà di condividere conoscenze e coordinare azioni comuni.

La conferenza è organizzata dall''IFAD assieme al Ministero dell'Economia e delle Finanze italiano, la Brookings Institution e l'Università di Warwick.

E' possibile seguirla in streaming all'indirizzo https://www.ifad.org/ruraltransformation <http://track.vuelio.uk.com/z.z?l=aHR0cHM6Ly93d3cuaWZhZC5vcmcvcnVyYWx0cmFuc2Zvcm1hdGlvbg%3d%3d&r=7837871621&d=3099747&p=1&t=h&h=463f13f5f1e0c71598df456e28461b84

Per ulteriori informazioni si prega di contattare:

Jessica Thomas,
Ufficio stampa IFAD
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
+39 06 5459 2215

Comunicato: IFAD/08/2017

L' IFAD investe sulle popolazioni rurali consentendo loro di  ridurre la povertà, aumentare la sicurezza alimentare, migliorare i livelli nutrizionali e rafforzare la resilienza. Dal 1978 sono stati investiti circa 18.4 miliardi di dollari in donazioni e prestiti a tassi agevolati per finanziare progetti di cui hanno beneficiato circa 464 milioni di persone. L'IFAD è un'istituzione finanziaria internazionale e un' agenzia specializzata delle Nazioni Unite con sede a Roma – il polo delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura.

SDG Poster 2018 2

Banner
Banner
Banner
Banner

united to reform web banner 250px