Domenica, 21 Luglio 2019
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

ENAR lancia la relazione ombra per l’anno 2015/2016 sul razzismo e la discriminazione nel contesto della migrazione in Europa

ENAR Report 01

3 mag - La Rete Europea contro il Razzismo (ENAR) ha pubblicato anche quest’anno il suo rapporto ombra, concentrandosi su razzismo e discriminazione nel contesto delle migrazioni verso l’Europa. Il rapporto, presentato ieri al Parlamento Europeo a Bruxelles, è basato su questionari nazionali raccolti in 26 Stati Membri dell’Unione Europea, e si propone come importante strumento per il patrocinio e l’azione coordinata per una società civile antirazzista, utilizzabile dai governi nazionali, dalle istituzioni Europee, dai media, dalle organizzazioni internazionali, ma anche da coloro interessati a conoscere nuovi dati fattuali sulla situazione attuale della migrazione e dell’opposizione ad essa.

Lo scopo della relazione è di sottolineare il modo in cui il razzismo e la discriminazione razziale impattano sui migranti all’interno Paesi europei che hanno partecipato allo studio. Essa si sofferma sugli sviluppi delle politiche in risposta a rilevanti avvenimenti – quali gli attacchi terroristici in Francia e a Bruxelles, o l’aumento del numero di rifugiati in fuga da Siria, Iraq e Afghanistan – e sull’integrazione dei migranti nel mercato del lavoro. Ne deriva un quadro che analizza come la discriminazione possa influire sia sulla performance, sia sui settori in cui si inserisce il lavoratore straniero: i pregiudizi che ne derivano colpiscono la qualità del lavoro svolto, e condizionano il ruolo e le posizioni che i migranti possono essere chiamati a ricoprire a causa della loro appartenenza ad una specifica etnia o nazione. Infine, la relazione si concentra sulla situazione dei crimini razzisti e l’accesso alla giustizia.

Il rapporto analizza nel dettaglio come il quadro che esso illustra non sia affatto roseo. In Europa si è infatti verificato un aumento di pubbliche espressioni di incitamento all’odio e di discorsi razzisti, che vanno a combinarsi con la proliferazione di false notizie e che dunque aumentano la retorica “anti-migranti” e trasformano problemi complessi in slogan intolleranti, riducendo il dibattito ad un “noi contro di loro”. Questa netta contrapposizione si traduce, tristemente, anche nella pratica, come si evince ad esempio dall’aumento di attacchi fisici da parte di singoli o di “gruppi di vigilanti” contro rifugiati, richiedenti asilo e/o migranti; situazione che è inoltre peggiorata dal fatto che molti di questi crimini non vengono riportati alla polizia dagli stessi assaliti, molti dei quali privi di documenti e che temono ripercussioni ancora maggiori. La stessa Unione Europea molto spesso incontra resistenze da parte degli Stati membri, che preferiscono regolamentazioni più stringenti nei confronti di migranti e rifugiati.

La relazione ombra, dunque, suggerisce delle indicazioni di politiche e azioni che potrebbero essere intraprese, dal livello Europeo a quello dei governi locali, per potere migliorare la condizione dei migranti e dei rifugiati, e assicurarsi che essi abbiano accesso ai fondamentali diritti sociali. Tra le raccomandazioni sono ricordate, tra le altre, le politiche di ricongiungimento familiare e la necessità di inclusione delle famiglie e dei loro bisogni nelle politiche future; il bisogno di creazione di canali di migrazione più sicuri e legali, in modo da ridurre il numero di decessi tra chi tenta di raggiungere l’Europa; la possibilità di fornire attività ricreative e di studio per meglio inserire i migranti nelle nuove comunità e permettergli di imparare una nuova lingua; la condanna pubblica di politici e autorità che incitano all’odio e la cooperazione con i media per portare messaggi veritieri e positivi di tolleranza e rispetto, per combattere ignoranza e paura.

 Shadow report

Per saperne di più sulla Relazione Ombra 2015/2016, clicca qui.  

Scopri la campagna #iamamigrant dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni: http://iamamigrant.org/

Scopri la campagna #INSIEME delle Nazioni Unite, clicca qui.

SDG Poster 2018 2

Banner
Banner
Banner
Banner

united to reform web banner 250px