Lunedì, 19 Agosto 2019
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

L'Organizzazione Metereologica Mondiale conferma che il 2017 è uno dei tre anno più caldi mai registrati

climate 2017

18 gen - Come chiaro segno di continuazione del cambiamento climatico di lunga durata causato dall’aumento delle concentrazioni atmosferiche di gas serra, il 2015, il 2016 e il 2017 sono stati confermati come i tre più caldi anni mai registrati. Il 2016 mantiene ancora il record mondiale, mentre il 2017 è stato l’anno più caldo senza El Niño, che ha dato impulso alle temperature annuali mondiali.

Una complessa analisi dell’Organizzazione Meteorologica Mondiale dei cinque principali set di dati internazionali ha mostrato che la temperatura superficiale mondiale media nel 2017 è stata approssimatamente intorno a 1.1° Celsius al di sopra dell’era pre-industriale.

L’anno 2016 rimane il più clado mai registrato (1.2° C al di sopra dell’era pre-industriale). Le temperature medie mondiali nel 2017 e 2015 erano entrambe 1.1° Celsius al di sopra dei livelli pre-industriali. I due anni sono virtualmente indistinguibili perchè la differenza è di minore di un centesimo di un grado, che è meno del margine statistico di errore.

“Il trend della temperatura di lungo periodo è molto più importante della classifica degli anni presi individualmente, e quel trend è in crescita”, ha detto il Segretario Generale della OMM, Petteri Taalas. “Tutti i 17 dei 18 anni più caldi mai registrati appartengono a questo secolo, e il grado di calore negli ultimi tre anni è stato al di fuori della norma. Il riscaldamento Artico è stato in particolare molto marcato e ciò avrà delle profonde ripercussioni a lungo termine sul livello dei mari, e sugli eventi metereologici in altre parti del mondo.”

La temperatura media globale nel 2017 era intono a 0.46° C al di sorpa della media di lungo periodo del 1981-2010 (14.3° C). Questa linea trentennale di riferimento viene utilizzata dai servizi nazionali meterologici e idrologici per determinare le medie e la variabilità dei parametri chiave del clima, tra cui la temperatura, le precipitazioni e il vento, le quali sono importanti per settori delicati del clima, tra cui la gestione delle acque, l’energia, l’agricultura e la sanità.

In aggiunta al cambiamento climatico dovuto all’aumento del livello di gas serra nell’atmosfera, il clima ha anche una variabilità naturale ricorrente, dovuta a fenomeni come El Niño, che ha effetti sul riscaldamento del pianete, e La Niña, che incide a livello di raffreddamento. Il forte vento El Niño del 2015/2016 ha contribuito alla temperatura record nel 2016. Al contrario, il 2017 è iniziato con la debole perturbazione La Niña e con essa è finito.

“Le temperature dicono solo una piccola parte della storia. Il calore nel 2017 è stato accompagnato da fenomeni meterologici estremi in molti paesi del mondo. Gli Stati Uniti d’America hanno registrato il loro anno più costoso in termini di disastri metereologici e climatici, mentre in altri paesi lo sviluppo è stato rallentato o invertito da cicloni tropicali, inondazioni e siccità”, ha detto il Signor Taala.

OMM rilancerà a Marzo la sua Dichiarazione sullo stato del Clima 2017. Questo report fornirà una panoramica globale sulla variabilità e l’andamento della temperatura, eventi di alto impatto e indicatori di lungo termine sul cambiamento climatico come l’aumento della concentrazione di carbone diossido, i ghiacciai Artici ed Antartici, l’aumento del livello dei mari e l’acidificazione oceanica. La Dichiarazione finale includerà informazioni presentate da un’ampia gamma di agenzia delle Nazioni Unite sugli impatti umanitari, socio-economici e ambientali come parte di una guida per fornire un più completo documento di sintesi delle Nazioni Unite per i decisori politici sull’interazione tra meteo, clima ed acqua e gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

OMM usa set di dati (basati su dati climatici mensili ottenuti dall’osservazione di luoghi) provenienti da the United States National Oceanic and Atmospheric Administration, NASA’s Goddard Institute for Space Studies, la United Kingdom’s Met Office Hadley Centre e l’Unità di ricerca climatica dell’University of East Anglia nel Regno Unito.

Utilizza anche set di dati rianalizzati dal from European Centre for Medium Range Weather Forecasts e il suo Servizio di Cambiamento Climatico Copernicus, e la Japan Meteorological Agency. Il metodo combina milioni di osservazioni metereologiche e marine, comprese quelle provenienti da satelliti, con modelli per produrre una rianalisi completa dell’atmosfera. La combinazione delle osservazioni con modelli rende possibile stimare le temperature in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo in tutto il mondo, compreso in zone dove i dati sono limitati come le regioni polari. 

SDG Poster 2018 2

Banner
Banner
Banner
Banner

united to reform web banner 250px