Sabato, 21 Settembre 2019
UNRIC logo - Italiano

L'ONU nella
tua lingua! 

L'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha dichiarato il periodo 2021-2030 Decennio dell'ONU per il Ripristino dell'Ecosistema

decennio onu 1

04 mar - Il decennio dell'ONU per il Ripristino dell'Ecosistema, dichiarato oggi dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite, mira a potenziare in modo rilevante il ripristino degli ecosistemi degradati o distrutti come misura per combattere le crisi climatiche e migliorare la sicurezza alimentare, l'approvvigionamento idrico e la biodiversità.

Il degrado degli ecosistemi terrestri e marini mina le condizioni di vita di 3,2 miliardi di persone e costa circa il 10% del prodotto lordo globale annuo in termini di perdita di servizi per specie ed ecosistemi. Ecosistemi chiave, quelli che forniscono numerosi servizi essenziali per l'alimentazione e l'agricoltura, compresa la fornitura di acqua dolce, la protezione dai rischi e la fornitura di habitat per specie come pesci e impollinatori, stanno diminuendo rapidamente.

"Siamo lieti che la nostra visione di dedicare un decennio sia diventata realtà", ha affermato Lina Pohl, Ministro dell'Ambiente e delle risorse naturali di El Salvador, un leader regionale di questa iniziativa. "Abbiamo bisogno di promuovere un programma di restauro efficace che costruisca la resilienza, riduca la vulnerabilità e aumenti la capacità dei sistemi di adattarsi alle minacce quotidiane e agli eventi estremi".

Il recupero di 350 milioni di ettari di terreni degradati tra oggi e il 2030 potrebbe generare 9.000 miliardi di dollari in servizi eco-sistemici e liberare l'atmosfera di ulteriori 13-26 gigaton di gas serra.

"Il decennio dell'ONU per il ripristino dell'ecosistema aiuterà i paesi a lottare contro gli effetti del cambiamento climatico e la perdita di biodiversità", ha affermato José Graziano da Silva, Direttore Generale della FAO. "Gli ecosistemi vengono degradati a un ritmo senza precedenti. I nostri sistemi alimentari globali e il sostentamento di milioni di persone dipendono dalla collaborazione di tutti noi per ripristinare ecosistemi sani e sostenibili per oggi e per il futuro".

"Il Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente e la FAO sono onorati di guidare l'attuazione del Decennio insieme ai nostri partner", ha affermato Joyce Msuya, Direttore Esecutivo del Programma ambientale delle Nazioni Unite. "Il degrado dei nostri ecosistemi ha avuto un impatto devastante sia sulle persone che sull'ambiente. Siamo entusiasti del fatto che lo slancio per ripristinare il nostro ambiente naturale abbia guadagnato terreno, perché la natura è la nostra migliore scommessa per affrontare il cambiamento climatico e garantire il futuro".

Il Decennio, un invito all'azione globale, metterà insieme il sostegno politico, la ricerca scientifica e le risorse finanziarie per potenziare l’azione portandola da iniziative pilota di successo ad interventi in aree di milioni di ettari. La ricerca mostra che potrebbero essere recuperati oltre due miliardi di ettari di terre disboscate e degradate.

Il Decennio accelererà gli attuali obiettivi di ripristino globale, ad esempio la Bonn Challenge, che mira a ripristinare 350 milioni di ettari di ecosistemi degradati entro il 2030, un'area quasi delle dimensioni dell'India. Al momento 57 paesi, governi subnazionali e organizzazioni private si sono impegnate a restaurare oltre 170 milioni di ettari. Questo sforzo si basa su iniziative regionali come l'Iniziativa 20x20in America Latina che mira a ripristinare 20 milioni di ettari di terra degradata entro il 2020 e l'AFR100 African Forest Landscape Restoration Initiative che mira a recuperare 100 milioni di ettari di terreni degradati entro il 2030.

Il ripristino dell'ecosistema è definito come un processo per invertire il degrado degli ecosistemi, paesaggi, laghi e oceani, per riacquistare la loro funzionalità ecologica; in altre parole, per migliorare la produttività e la capacità degli ecosistemi di soddisfare i bisogni della società. Ciò può essere fatto consentendo la rigenerazione naturale degli ecosistemi sovra-sfruttati, ad esempio, o piantando alberi e altre piante.

Il ripristino dell'ecosistema è fondamentale per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile, principalmente quelli relativi ai cambiamenti climatici, all'eliminazione della povertà, alla sicurezza alimentare, alla conservazione delle risorse idriche e della biodiversità. È anche un pilastro delle convenzioni ambientali internazionali, come la Convenzione di Ramsar sulle zone umide e le Convenzioni di Rio sulla biodiversità, sulla desertificazione e sul cambiamento climatico.

Attualmente, circa il 20% della superficie vegetata del pianeta mostra un calo della produttività con perdite di fertilità legate all'erosione, all'impoverimento delle risorse e all'inquinamento in tutte le parti del mondo. Entro il 2050 il degrado e il cambiamento climatico potrebbero ridurre i raccolti del 10% a livello globale e in alcune regioni fino al 50%.

SDG Poster 2018 2

Banner
Banner
Banner
Banner

united to reform web banner 250px