A-Z Indice del sito

COVID-19 – UNCTAD: Porti aperti, Il commercio internazionale non può fermarsi di fronte al coronavirus

Secondo le statistiche UNCTAD l’80% del commercio internazionale di beni avviene via mare.

In questo momento di crisi globale è importante che i governi facilitino gli scambi e mantengano aperti i porti, consentendo l’accesso alle navi commerciali che trasportano attrezzature mediche vitali, cibo, materie prime, carburante e beni manifatturieri essenziali per il funzionamento della società moderna.

I porti e le navi commerciali sono i fili che tengono insieme l’economia globale, connettendo economie, mercati, industrie e persone, ad un livello altrimenti impensabile.

Seguendo il propagarsi dell’epidemia aumenteranno esponenzialmente i movimenti di beni essenziali come cibo e attrezzature mediche e i paesi senza sbocchi sul mare dipenderanno dai loro vicini per avere accesso alle merci che arrivano attraverso i porti.

Qualsiasi restrizione sui movimenti di merci o blocco delle frontiere potrebbe avere conseguenze devastanti nella lotta al coronavirus, interrompendo le forniture di beni essenziali agli ospedali, alle aziende e ai cittadini.

In casi come questi la cooperazione internazionale è essenziale: a questo proposito i leader del G20, in programma questa settimana, dovrebbero condividere l’appello dell’industria marittima di facilitare l’accesso ai porti e assicurare la continuità del commercio internazionale.

L’altra faccia della medaglia di questa pandemia riguarda le condizioni di salute e la sicurezza dei marinai a bordo delle navi. Molti paesi hanno introdotto restrizioni sugli accessi ai porti e imposto la quarantena agli equipaggi delle navi impedendo o rallentando i cambi di turno. Si potrebbe invece adottare la stessa flessibilità applicata ai membri degli equipaggi aerei e al personale sanitario sulle navi in arrivo e in partenza.

Un grande rischio deriva anche dal propagarsi dell’infezione tra i dipendenti del porto, una situazione del genere bloccherebbe di fatto il transito dei beni che rimarrebbero bloccati nei container.

Tutte le misure tecnologiche e le soluzioni a disposizione per facilitare il commercio e il trasporto dei beni dovrebbero essere prontamente applicate per ridurre l’impatto del COVID-19, sulle nostre società e sulle nostre economie.

 

Per saperne di più: https://unctad.org/en/pages/newsdetails.aspx?OriginalVersionID=2311

Attualità

Lanciata in tutta Europa la versione aggiornata di HealthBuddy+,...

WHO/Europa e UNICEF hanno lanciato una versione aggiornata dell'app HealthBuddy+, ideata per tutelare il...

UN/DESA-MAECI: 2020/2021 Fellowships Programme for Technical Cooperation Capacity Building...

Riceviamo e volentieri diffondiamo il bando per la Fellowship finanziato dal Ministero degli Affari...

Yemen: aumenta la malnutrizione nei bambini mentre peggiorano le...

Allarme delle Nazioni Unite: si stima che un bambino su cinque al di sotto...

Il Consiglio di Sicurezza celebra il 20° anniversario della...

Media advisory: UN Security Council marks 20 years of Women, Peace and Security As Security...

Commento del Segretario Generale sul Concerto per la Giornata...

THE SECRETARY-GENERAL  REMARKS AT UNITED NATIONS DAY CONCERT  New York, 22 October 2020  Dear friends and colleagues, It...