Dichiarazione del Coordinatore Umanitario in Ucraina (31 marzo 2022)

Oggi 31 Marzo 2022, il Coordinatore Umanitario in Ucraina Osnat Lubrani si è espresso sulla situazione nel paese, presentando un aggiornamento sulla missione e le attività delle varie agenzie coinvolte. 

————-

(Dnipro, 31 Marzo, 2022) “Oggi le Nazioni Unite e i partner umanitari hanno consegnato rifornimenti a migliaia di persone nella città circondata di Sumy, compresi bambini e pazienti ospedalieri, dove bombardamenti e combattimenti hanno distrutto case, ospedali e scuole, interrotto elettricità e acqua ed impedito consegne commerciali di cibo e altri beni.

Siamo stati in grado di portare in sicurezza medicinali, cibo, kit sanitari e generi di prima necessità forniti da People in Need (PiN), l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (UNICEF), l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e il Programma alimentare mondiale (PAM). Grazie al nostro partner nazionale, la Società della Croce Rossa ucraina, questi aiuti saranno consegnati a Sumy e nelle aree difficili da raggiungere nel nord-est, tra cui Trostianets e Okhtyrka.

Le razioni alimentari del PiN e del WFP andranno a beneficio di quasi 6.000 persone; coperte, bollitori e altri articoli per la casa di base dell’UNHCR sosterranno 1.500 persone, mentre i kit sanitari aiuteranno 6.000 persone con igiene e acqua potabile. Le forniture mediche e i kit per traumi dell’OMS cureranno 150 pazienti che necessitano di terapia intensiva per lesioni gravi, mentre le altre forniture mediche sosterranno 10.000 persone per tre mesi.

Il sistema di notifica umanitaria con l’Ucraina e la Federazione Russa, facilitato dall’Ufficio per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA), ha consentito oggi un passaggio sicuro per questo convoglio. Ma questo chiaramente non basta. Dobbiamo raggiungere le persone più vulnerabili colpite dalla grave crisi umanitaria in tutta l’Ucraina. Nell’ultimo mese, le Nazioni Unite e i partner umanitari si sono ripetutamente impegnati con le parti che cercano l’accesso a Mariupol, Kherson e altre città circondate. Affinché ciò abbia successo, è necessario che tutte le parti accettino i termini esatti delle pause umanitarie, inclusi il percorso, l’ora di inizio e la durata, per la consegna sicura dell’assistenza e l’evacuazione dei civili.

Questi sforzi purtroppo non hanno ancora avuto successo, poiché siamo stati ripetutamente informati che la sicurezza dei convogli umanitari e dei civili non poteva essere garantita. Prendiamo atto dell’ultimo impegno segnalato dalle parti. Se questo avrà successo in un breve periodo durante il quale i civili potranno muoversi in sicurezza, faremo tutto il possibile per sostenere quelle persone.

Fino ad allora, continueremo il nostro impegno con entrambe le parti in conflitto con l’obiettivo di negoziare urgentemente, immediatamente e in modo coerente e facilitare la consegna di assistenza umanitaria critica alle persone che sono state più duramente colpite dal conflitto, anche a Mariupol e in altre zone circondate città. Prendiamo sul serio il nostro impegno ad assistere i civili intrappolati nel mezzo di questa spaventosa crisi umanitaria: invito tutte le parti in lotta a rispettare anche i loro obblighi, in nome dell’umanità.”

Attualità