FAO-Italia: uniti per trasformare i sistemi agroalimentari

2 marzo 2021, Roma – Il Direttore Generale della FAO QU Dongyu ha incontrato oggi il neo Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali italiano Stefano Patuanelli.
La discussione si è concentrata su come rafforzare la collaborazione su una serie di temi chiave di mutuo interesse, incluso la trasformazione dei sistemi agroalimentari, la lotta alla fame e alla malnutrizione, il prossimo Summit delle Nazioni Unite sui Sistemi Alimentari e il Pre-Summit che si terrà a Roma.

Il Direttore Generale si è congratulato on il Ministro per la nomina e ha ribadito il pieno sostegno della FAO alla Presidenza italiana del G20 quest’anno.

Il Ministro Patuanelli ha sottolineato la necessità urgente di affrontare la fame cronica nel mondo, in particolare alla luce della pandemia da COVID-19 e del suo impatto sul cibo e l’agricoltura. Il Ministro ha quindi espresso la disponibilità dell’Italia a riservare a questi temi un ruolo di primo piano nell’agenda del prossimo G20.

Il Direttore Generale Qu ha sottolineato l’importanza di affrontare urgentemente il tema della fame e della malnutrizione, sottolineando che la pandemia ha esposto la fragilità dei sistemi agroalimentari, minacciando di trascinare ulteriori 132 milioni di persone nella fame.

Nel corso dell’incontro, il Direttore Generale ha espresso grande apprezzamento per il decennale supporto dell’Italia alla FAO, di cui il paese ospita la sede dal 1951. Qu ha ribadito la disponibilità dell’Organizzazione ad aiutare l’Italia a rendere il proprio sistema agroalimentare più efficiente, più resiliente ai rischi naturali e più inclusivo, colmando il divario di genere e quello tra popolazione urbana e rurale. Guardando alla via da percorrere, Qu ha citato tecniche avanzate come l’irrigazione a goccia, la diversificazione dei raccolti e una produzione a impatto zero come buoni esempi di innovazione in agricoltura.

Il Ministro Patuanelli ha concordato sulla necessità di investire nella resilienza dei sistemi agroalimentari, sottolineando l’impegno del Italia nell’affrontare la fame e la povertà nel mondo. Il Ministro ha inoltre ribadito l’impegno italiano a promuovere le proprie conoscenze ed expertise nel settore agroalimentare in tutto il mondo.

Entrambi hanno convenuto sull’importanza di promuovere innovazione, politiche adeguate e investimenti strategici nel settore agroalimentare, oltre a rafforzare le competenze nell’agricoltura digitale.

Qu e Patuanelli hanno in fine discusso del progetto congiunto “G20 Green Garden”, che mira a lasciare un’eredità storica, offrendo benefici ambientali, estetici e ricreativi ai cittadini e ai visitatori di Roma.

Attualità