Gaza – Aggiornamento OCHA al 27 novembre 2023

Gaza – Aggiornamento OCHA al 27 novembre 2023

 

La pausa umanitaria, concordata da Israele e Hamas, entrata in vigore il 24 novembre, è stata ampiamente mantenuta per il terzo giorno consecutivo. Questa pausa ha permesso alle Nazioni Unite di migliorare la fornitura di assistenza all’interno e attraverso Gaza.
Il 26 novembre, i convogli di aiuti hanno raggiunto le aree a nord di Wadi Gaza (di seguito: il nord). Le agenzie delle Nazioni Unite e la Società della Mezzaluna Rossa Palestinese (PRCS) hanno distribuito 1.062 tonnellate metriche (MT) di cibo pronto per l’uso a quattro rifugi dell’UNRWA nel campo di Jabalia; 185 MT di tende e coperte e 890 MT di acqua in bottiglia a vari siti; e 164 MT di forniture mediche all’ospedale Al Ahli nella città di Gaza. I convogli sono stati accuratamente ispezionati dalle forze israeliane schierate a un posto di blocco vicino a Wadi Gaza prima di procedere verso nord.
La missione che ha raggiunto l’ospedale battista di Al Ahli ha evacuato almeno 17 pazienti e feriti, insieme a 11 dei loro accompagnatori, verso l’ospedale europeo di Khan Younis (nel sud). Nonostante le enormi carenze e le limitazioni, l’Al Ahli rimane operativo e accoglie i pazienti.
La distribuzione degli aiuti nelle aree a sud di Wadi Gaza, dove attualmente risiede la maggior parte degli 1,7 milioni di sfollati interni, è stata accelerata negli ultimi tre giorni. I principali fornitori di servizi, tra cui ospedali, strutture idriche e igienico-sanitarie e rifugi per sfollati interni, hanno continuato a ricevere quotidianamente carburante per far funzionare i generatori.
Negli ultimi tre giorni, il gas da cucina è entrato a Gaza, contrariamente a quanto accadeva prima della pausa. Tuttavia, le quantità sono ben al di sotto del fabbisogno. Secondo quanto riferito, le code in una stazione di rifornimento a Khan Younis si sono estese per circa 2 chilometri, con persone in attesa durante la notte. Nel frattempo, le notizie indicano che la gente sta bruciando porte e telai di finestre per cucinare.
Il 26 novembre sono stati rilasciati 17 ostaggi detenuti a Gaza e 39 detenuti palestinesi nelle carceri israeliane. Tra gli ostaggi rilasciati ci sono 13 israeliani – quattro donne e nove bambini – e quattro cittadini stranieri. Tra i detenuti palestinesi c’erano 39 ragazzi. Dall’inizio della pausa, sono stati rilasciati 39 israeliani, 117 palestinesi e 19 cittadini stranieri.
Tra il 25 e il 26 novembre, le forze israeliane in Cisgiordania hanno ucciso sette palestinesi, tra cui quattro bambini, portando a 230 il bilancio delle vittime palestinesi dal 7 ottobre: 222 da parte delle forze israeliane e otto da parte dei coloni.
Ostilità e vittime (Striscia di Gaza)
Dall’entrata in vigore della pausa umanitaria alle 7:00 del 24 novembre, gli attacchi aerei, i bombardamenti e gli scontri a terra sarebbero cessati.
In un incidente che ha coinvolto il fuoco dei carri armati israeliani a est del campo profughi di Al-Maghazi, nell’Area di Mezzo, un uomo palestinese sarebbe stato ucciso e un altro ferito; le circostanze rimangono poco chiare.
Secondo l’Ufficio stampa del governo, alle 18:00 del 23 novembre, più di 14.800 persone sono state uccise a Gaza, tra cui circa 6.000 bambini e 4.000 donne. Questo ufficio, che fa capo alle autorità de facto di Gaza, ha riportato le vittime da quando il Ministero della Sanità di Gaza ha smesso di farlo l’11 novembre, a seguito del collasso dei servizi e delle comunicazioni negli ospedali del nord.
Secondo fonti ufficiali israeliane, alle 18:00 del 25 novembre, 75 soldati israeliani sono stati uccisi a Gaza dall’inizio delle operazioni di terra israeliane.
Sfollati (Striscia di Gaza)
All’entrata in vigore della pausa, le forze israeliane hanno annunciato il divieto di spostamento delle persone dal sud al nord.
Il 26 novembre, l’esercito israeliano ha continuato a chiamare ed esercitare pressioni sui residenti del nord per farli uscire verso sud attraverso un “corridoio” lungo la principale arteria di traffico, Salah Ad Deen Road, tra le 9:00 e le 16:00. Il monitoraggio dell’OCHA durante la giornata ha stimato che meno di 400 persone hanno attraversato il sud.
Il team di monitoraggio di OCHA ha osservato molte persone ferite attraversare il “corridoio” il 26 novembre. Un uomo intervistato da OCHA al punto di attraversamento ha rivelato di aver dovuto lasciare l’ospedale di Kamal Odwan, nel nord, dopo che era stato colpito la notte precedente alla pausa.
Le forze israeliane hanno arrestato alcune persone che si muovevano attraverso il “corridoio”. Gli sfollati intervistati dall’OCHA hanno riferito che le forze israeliane hanno istituito un posto di blocco senza personale, dove le persone vengono indirizzate da lontano a passare attraverso due strutture, dove si pensa sia installato un sistema di sorveglianza. Agli sfollati viene ordinato di mostrare i loro documenti e di sottoporsi a una scansione di riconoscimento facciale.
Nel “corridoio” è stato osservato anche il movimento di bambini non accompagnati e di famiglie separate. Gli attori umanitari stanno assistendo questi bambini, anche attraverso la registrazione dei casi. Tuttavia, sono necessarie misure urgenti per aumentare la presenza di squadre di protezione dell’infanzia nei rifugi, migliorare l’efficienza della registrazione e rispondere alle esigenze specifiche di questi bambini.
Accesso umanitario (Striscia di Gaza)
Il numero totale di camion entrati a Gaza il 26 novembre non è chiaro al momento in cui scriviamo, poiché molti hanno continuato a essere trattati durante le ore serali. Il 25 novembre, 200 camion sono stati spediti da Nitzana.
Il valico di Rafah con l’Egitto è stato aperto anche il 26 novembre per l’uscita di feriti e malati e di cittadini doppi e stranieri, oltre che per l’ingresso di residenti di Gaza che erano stati bloccati in Egitto.
Il valico di Kerem Shalom con Israele, che prima delle ostilità era il principale punto di ingresso per le merci, è rimasto chiuso.
Elettricità
Dall’11 ottobre la Striscia di Gaza è in blackout elettrico, dopo che le autorità israeliane hanno interrotto la fornitura di elettricità e le riserve di carburante per l’unica centrale elettrica di Gaza si sono esaurite.
Assistenza sanitaria (Striscia di Gaza)
Il 26 novembre, un convoglio congiunto delle Nazioni Unite ha raccolto 7.600 dosi di vaccini per varie malattie dal magazzino del Ministero della Sanità nella città di Gaza e le ha trasportate nel sud della Striscia. La necessità di questo trasferimento è sorta a causa della mancanza di capacità di refrigerazione nel nord. Dopo accurate ispezioni per garantirne la validità, i vaccini saranno utilizzati per migliorare l’immunizzazione di routine, ostacolata dalla carenza di forniture e dalle ostilità in corso. Al 25 novembre, 1.205 bambini sono stati vaccinati in sette centri sanitari secondo il programma nazionale di vaccinazione, portando il numero totale a 11.622 dal 4 novembre.
L’ospedale Kamal Odwan di Jabalia, uno dei quattro piccoli ospedali ancora operativi nel nord, sta affrontando un’immensa pressione. Le forniture e il personale medico sono particolarmente urgenti nei settori di ostetricia, pediatria, neonatologia, chirurgia e ortopedia. Ottanta pazienti necessitano di un trasferimento immediato in una struttura più attrezzata nel sud per sopravvivere. Il 22 novembre, le vicinanze dell’ospedale sono state pesantemente bombardate, causando, secondo quanto riferito, decine di morti e feriti; molti di questi ultimi sono ancora in attesa di ricevere cure.
Delle 11 strutture mediche nel sud, otto sono attualmente funzionanti. La capacità di posti letto in tutta Gaza è scesa da 3.500 prima della guerra a 1.400 al 20 novembre, in mezzo a un’impennata di persone in cerca di cure.Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), solo uno degli ospedali attualmente funzionanti nel sud ha la capacità di trattare casi di trauma critici o di eseguire interventi chirurgici complessi.Al 25 novembre, nove (su 22) centri sanitari dell’UNRWA erano ancora operativi nel sud, registrando 10.802 visite di pazienti.
Acqua e servizi igienici (Striscia di Gaza)
Dall’inizio della pausa umanitaria, l’UNRWA ha raccolto e smaltito centinaia di tonnellate di rifiuti solidi che si erano accumulati all’interno e all’esterno dei suoi rifugi nel sud, a beneficio di circa 1 milione di persone.
Il 26 novembre, i tecnici hanno visitato le strutture idriche, sanitarie e igieniche (WASH) nel nord, effettuando una prima valutazione dei danni subiti e delle riparazioni necessarie per riattivarle.
L’UNRWA ha continuato a consegnare carburante alla principale azienda idrica di Gaza, che a sua volta lo ha distribuito alle strutture idriche e igienico-sanitarie del sud: due impianti di desalinizzazione dell’acqua marina, 79 pozzi d’acqua, 15 stazioni di pompaggio dell’acqua, 18 stazioni di pompaggio delle acque reflue e un impianto di trattamento delle acque reflue. È proseguita la fornitura di acqua potabile nel sud attraverso due condotte provenienti da Israele.
Il 26 novembre, la prima consegna di acqua in bottiglia ha raggiunto i rifugi per sfollati interni nel nord dall’inizio dell’operazione di terra israeliana. In precedenza i partner non erano riusciti a raggiungere le aree settentrionali a causa delle intense operazioni di terra e della mancanza di carburante per la distribuzione dei binari. Tuttavia, persistono le preoccupazioni per la disidratazione e le malattie trasmesse dall’acqua a causa del consumo di acqua da fonti non sicure, poiché l’impianto di desalinizzazione dell’acqua e l’oleodotto israeliano che fornisce acqua al nord non funzionano.
Sicurezza alimentare
Il cibo pronto per il consumo distribuito nei rifugi dell’UNRWA a Jabalia, nel nord, il 26 novembre, comprendeva circa 7,6 tonnellate di biscotti ad alto contenuto energetico forniti dal Programma alimentare mondiale (PAM). Questo quantitativo copre l’apporto alimentare minimo giornaliero di 23.616 persone per un giorno.
Dal 24 novembre, il PAM ha fornito assistenza alimentare essenziale a 110.000 persone nei rifugi dell’UNRWA e nelle comunità ospitanti attraverso la distribuzione di pane, pacchi alimentari e buoni elettronici. Dal 25 novembre, un panificio del PAM ha ripreso a funzionare su base ad hoc, consentendo la fornitura di pane a circa 90.000 persone nei rifugi delle Nazioni Unite nel sud del Paese.
I prezzi degli alimenti sul mercato hanno subito un’impennata senza precedenti. Secondo l’Ufficio centrale di statistica palestinese, nel mese di ottobre i prezzi di cibo e bevande sono aumentati del 10%; le verdure sono aumentate del 32%, la farina di grano del 65% e l’acqua minerale del 100%.
Nonostante l’aumento degli aiuti alimentari attraverso Rafah, molte persone non hanno ancora cibo e combustibile per cucinare. Non sono operativi altri panifici, a causa della mancanza di carburante, acqua e farina di grano e dei danni strutturali. Secondo quanto riferito, la farina di grano non è più disponibile sul mercato. I membri del Cluster Sicurezza Alimentare hanno espresso serie preoccupazioni sullo stato nutrizionale delle persone, soprattutto delle donne in allattamento e dei bambini. La situazione è ancora più grave nel nord, che è più difficile da raggiungere.
Anche nel nord del Paese, il bestiame rischia di morire di fame e di essere ucciso a causa della carenza di foraggio e di acqua. Le colture vengono sempre più abbandonate e danneggiate a causa della mancanza di carburante necessario per pompare l’acqua di irrigazione.In tutta Gaza, gli allevatori hanno macellato i loro animali a causa dell’immediato bisogno di cibo e della mancanza di foraggio per mantenerli in vita. Questa pratica rappresenta un’ulteriore minaccia per la sicurezza alimentare, poiché porta all’esaurimento delle risorse produttive.
Ostilità e vittime (Israele)
Il 25 novembre non sono stati segnalati lanci di razzi da Gaza verso Israele. In totale, secondo le autorità israeliane, oltre 1.200 israeliani e cittadini stranieri sono stati uccisi in Israele, la maggior parte il 7 ottobre. Al 20 novembre, sono stati resi noti i nomi della maggior parte di queste vittime, tra cui 859 civili e agenti di polizia. Di quelli di cui è stata fornita l’età, 33 sono bambini.
Dopo il rilascio di 17 ostaggi il 26 novembre, secondo le autorità israeliane a Gaza rimangono prigioniere 178 persone, tra cui israeliani e stranieri. Prima della pausa, quattro ostaggi civili erano stati rilasciati da Hamas, un soldato israeliano era stato salvato dalle forze israeliane e tre corpi di ostaggi erano stati recuperati dalle forze israeliane. Il 25 novembre, le Nazioni Unite hanno ribadito il loro appello per il rilascio immediato e incondizionato di tutti gli ostaggi.
Violenza e vittime (Cisgiordania)
Il 25 e 26 novembre, le forze israeliane hanno sparato e ucciso sette palestinesi, tra cui quattro bambini, durante le operazioni delle forze israeliane. L’incidente più letale, durato dieci ore, è avvenuto nel campo profughi di Jenin e ha provocato la morte di cinque palestinesi. L’operazione ha comportato scontri armati con i palestinesi e attacchi aerei che hanno provocato ingenti danni alle infrastrutture e alle abitazioni. Secondo fonti mediche, durante l’operazione, le forze israeliane hanno impedito il lavoro dei paramedici, negato l’accesso a due ospedali e arrestato due persone ferite in uno degli ospedali. Un altro ragazzo palestinese è stato ucciso dalle forze israeliane ad Al Bireh (Ramallah) durante scontri per il lancio di pietre. Un altro uomo palestinese è stato ucciso mentre si trovava all’interno del suo veicolo durante un’operazione condotta dalle forze israeliane sotto copertura a Yatma (Nablus). Non sono state riportate vittime israeliane.
Dal 7 ottobre, 222 palestinesi, tra cui 58 bambini, sono stati uccisi dalle forze israeliane; altri otto, tra cui un bambino, sono stati uccisi da coloni israeliani in Cisgiordania, compresa Gerusalemme Est. Quattro israeliani sono stati uccisi in attacchi da parte di palestinesi.
Circa il 66% delle vittime dal 7 ottobre è avvenuto durante scontri seguiti a operazioni di ricerca e arresto israeliane, principalmente nei governatorati di Jenin e Tulkarm; il 24% è stato ucciso nel contesto di manifestazioni riguardanti Gaza; il 7% è stato ucciso mentre attaccava o presumeva di attaccare le forze israeliane o i coloni; il 2% è stato ucciso in attacchi dei coloni contro i palestinesi e l’1% durante demolizioni punitive.
Dal 7 ottobre, le forze israeliane hanno ferito 2.904 palestinesi, tra cui almeno 369 bambini, più della metà dei quali nel contesto di manifestazioni. Altri 73 palestinesi sono stati feriti dai coloni e altri 18 dalle forze o dai coloni. Circa il 33% di queste ferite sono state causate da munizioni vere.
Il 25 novembre, tre attacchi dei coloni hanno causato danni alle proprietà e feriti. In un incidente, un gruppo di coloni accompagnati dalle forze israeliane ha fatto irruzione nel villaggio di Burqa (Nablus), seguito da scontri con i palestinesi; le forze israeliane hanno aperto il fuoco vivo, ferendo un palestinese.In altri due incidenti, secondo testimoni oculari palestinesi, un gruppo di coloni israeliani ha vandalizzato 155 alberi di ulivo nella periferia di Immatin (Qalqiliya) e Qaryut (Nablus).
Dal 7 ottobre, l’OCHA ha registrato 284 attacchi di coloni contro palestinesi, che hanno causato vittime palestinesi (34 incidenti), danni a proprietà di proprietà palestinese (212 incidenti) o sia vittime che danni a proprietà (38 incidenti). Questo dato riflette una media giornaliera di quasi sei incidenti, rispetto ai tre dell’inizio dell’anno. Più di un terzo di questi incidenti includeva minacce con armi da fuoco, comprese le sparatorie. In quasi la metà degli incidenti, le forze israeliane accompagnavano o sostenevano attivamente gli aggressori.
Sfollati (Cisgiordania)
Dal 7 ottobre, almeno 143 famiglie palestinesi, comprendenti 1.014 persone, tra cui 388 bambini, sono state sfollate a causa della violenza dei coloni e delle restrizioni di accesso. Le famiglie sfollate appartengono a 15 comunità di pastori/Bedouin.
Inoltre, 181 palestinesi, tra cui 93 bambini, sono stati sfollati dal 7 ottobre a seguito di demolizioni nell’Area C e a Gerusalemme Est, per mancanza di permessi; e 52 palestinesi, tra cui 25 bambini, sono stati sfollati a seguito di demolizioni punitive.
Finanziamenti
Al 25 novembre, gli Stati membri hanno erogato 256,4 milioni di dollari a fronte dell’Appello Flash aggiornato lanciato dalle Nazioni Unite e dai suoi partner per attuare il piano di risposta a sostegno di 2,2 milioni di persone nella Striscia di Gaza e 500.000 in Cisgiordania. Questo rappresenta circa il 21% degli 1,2 miliardi di dollari richiesti. Altri 250 milioni di dollari sono stati promessi entro il 23 novembre. Le donazioni private vengono raccolte attraverso il Fondo umanitario.
Per saperne di più:

Hostilities in the Gaza Strip and Israel | Flash Update #51

Attualità