Global Innovation Index 2023: Svizzera, Svezia e Stati Uniti in testa alla classifica dell’innovazione globale, l’Italia 26esima. L’innovazione è forte ma i finanziamenti alle startup sono sempre più incerti

Global Innovation Index 2023: Svizzera, Svezia e Stati Uniti in testa alla classifica dell’innovazione globale, l’Italia 26esima. L’innovazione è forte ma i finanziamenti alle startup sono sempre più incerti

 

Svizzera, Svezia, Stati Uniti, Regno Unito e Singapore saranno le economie più innovative del mondo nel 2023, secondo il Global Innovation Index (GII) dell’Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale (OMPI); mentre un gruppo di economie a medio reddito è emerso nell’ultimo decennio come il più rapido scalatore della classifica. Il GII 2023 utilizza 80 indicatori per tracciare le tendenze dell’innovazione globale in oltre 130 economie, guidando i responsabili delle politiche e delle imprese a stimolare l’ingegno umano. Quest’anno, i risultati del rapporto sono stati presentati in un contesto di lenta ripresa economica dopo la pandemia COVID-19, tassi di interesse elevati e conflitti geopolitici.

L’edizione 2023 individua una prospettiva sempre più incerta per il capitale di rischio (VC) che aiuta a trasformare l’ingegno umano in nuovi prodotti e servizi, con il valore globale dei finanziamenti VC che ha segnato un crollo significativo lo scorso anno.

Nella classifica annuale, la Cina – unica economia a medio reddito nella top 30 del GII – si colloca al 12° posto, seguita dal Giappone al 13°. Israele (14°) è tornato tra i primi 15 del GII, guadagnando due posizioni. La Finlandia (6°) è in crescita insieme alla Danimarca (9°), alla Svezia (2°) e alle economie baltiche (Estonia 16°, Lituania 34° e Lettonia 37°).

Negli ultimi 10 anni, l’Indonesia (61°) si è unita alla Cina, alla Turchia (39°), all’India (40°), al Vietnam (46°), alle Filippine (56°) e alla Repubblica islamica dell’Iran (62°) nel gruppo di economie a medio reddito che hanno scalato più velocemente la classifica delle GII. Negli ultimi quattro anni, e dall’inizio della pandemia, Mauritius (57°), Indonesia, Arabia Saudita, Brasile e Pakistan sono le economie che sono salite di più in classifica (in ordine di progressione).

In totale sono 21 le economie che, come previsto, hanno ottenuto risultati migliori in termini di innovazione rispetto al loro livello di sviluppo, la maggior parte delle quali si trova nell’Africa subsahariana e nel Sud-est asiatico, nell’Asia orientale e in Oceania. L’India, la Repubblica di Moldova e il Vietnam hanno registrato performance superiori all’innovazione per 13 anni consecutivi. Indonesia, Pakistan e Uzbekistan mantengono il loro status di overperformer per il secondo anno e il Brasile per il terzo anno consecutivo.

 

“Un gruppo di economie emergenti sta scalando costantemente le classifiche del GII, dimostrando come l’attenzione all’ecosistema dell’innovazione possa fare la differenza. A livello globale, nonostante la flessione dei finanziamenti di capitale di rischio, il GII 2023 dovrebbe rassicurarci sul fatto che l’attività innovativa continua a essere forte, ma che dovrebbe continuare a spostarsi dalla quantità alla qualità”.

“Con il GII, i responsabili politici di tutto il mondo continuano a disporre di una fonte ricca e affidabile di dati e informazioni per elaborare politiche a favore dell’innovazione e liberare il potenziale innovativo dei loro cittadini” – questo è quanto riporta il Direttore generale dell’OMPI Daren Tang.

 

Un estratto speciale del GII mostra che i cinque maggiori cluster scientifici e tecnologici (S&T) del mondo sono ora situati in Asia orientale, con la Cina che emerge come il Paese con il maggior numero di cluster, mentre Tokyo-Yokohama è il principale cluster S&T.

 

Tra i risultati principali del GII:

  • Le pubblicazioni scientifiche, la ricerca e lo sviluppo (R&S), il numero di operazioni di venture capital (VC) (ma non il loro valore) e i brevetti hanno continuato a crescere a livelli più alti che mai. Tuttavia, i tassi di crescita sono stati inferiori agli eccezionali aumenti registrati nel 2021.
  • Nel 2022, la spesa delle aziende che rappresentano i maggiori investitori in R&S ha raggiunto 1.100 miliardi di dollari, un massimo storico. Nel 2022 hanno aumentato la spesa in R&S di circa il 7,4%, in calo rispetto alla crescita del 15% registrata nel 2021.
  • Rispecchiando la recente impennata dell’intelligenza artificiale, i settori dell’hardware ICT hanno visto i produttori di schede grafiche e di chip in testa con la crescita di R&S più notevole nel 2022. Altri settori che hanno ridotto la spesa in R&S durante la pandemia, come quello automobilistico e quello dei viaggi e del tempo libero, hanno ripreso a investire con decisione nel 2022.
  • Secondo i dati preliminari, si stima che i budget governativi per la R&S siano aumentati in termini reali nel 2022. Aumenti significativi si sono verificati in Giappone e nella Repubblica di Corea, mentre aumenti più contenuti si sono verificati in Germania, compensando i tagli in altre economie.
  • A causa del deterioramento del clima in ambito risk finance, il valore totale degli investimenti in capitale di rischio è diminuito bruscamente di quasi il 40% nel 2022, anche se rispetto ai livelli insolitamente alti del 2021. L’Africa è stata l’unica regione a non registrare un calo nel 2022.
  • Le prospettive del VC per il 2023 e il 2024 sono incerte, poiché è probabile che gli alti tassi di interesse continuino a influenzare il finanziamento dell’innovazione.
  • Gli indicatori nei settori delle tecnologie dell’informazione, della salute e dell’energia continuano a mostrare progressi – le ondate di innovazione dell’Era Digitale e della Deep Science PDF, evidenziate nel GII del 2022 sono già ben avviate.
  • Nel complesso, l’adozione delle tecnologie si sta sviluppando positivamente, anche se la penetrazione di alcune tecnologie, come i veicoli elettrici e il trattamento del cancro, rimane bassa.

Per saperne di più clicca qui.

Attualità