A-Z Indice del sito

UNHCR e WFP ampliano il partenariato in Libia per raggiungere più rifugiati e richiedenti asilo, mentre crescono i bisogni alimentari

Comunicato stampa congiunto UNHCR/WFP

TRIPOLI/TUNISI – L’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) e il World Food Programme delle Nazioni Unite (WFP) stanno ampliando in Libia il loro sostegno ai rifugiati e ai richiedenti asilo in condizioni di insicurezza alimentare attraverso assistenza alimentare di emergenza in risposta al grave impatto socio-economico della pandemia di COVID-19 nel Paese e alle conseguenze del conflitto in corso.

Le due agenzie amplieranno la loro partnership, avviata a giugno, per fornire sostegno alimentare alle persone nelle zone intorno a Tripoli, tra cui Zawiya, Misurata, Bengasi e Zwara, oltre continuare l’assistenza nella stessa Tripoli.

I contagi da coronavirus sono aumentati nel paese, passando da 200 casi segnalati a giugno a quasi 28.000 casi. Le restrizioni ai movimenti e il coprifuoco legati al COVID-19, così come il conflitto in corso e la crisi economica, hanno causato forti aumenti nei prezzi dei prodotti alimentari e hanno reso difficile per la maggior parte dei rifugiati e dei richiedenti asilo trovare lavori giornalieri per sostenersi.

Secondo l’ultima Iniziativa Congiunta di Monitoraggio del Mercato, il costo di un paniere di base in grado di soddisfare i bisogni primari di una famiglia, compresi i prodotti alimentari, è aumentato ad agosto del 19,2 per cento rispetto a marzo, quando sono stati segnalati i primi casi di coronavirus in Libia. I prezzi del combustibile per uso domestico sono aumentati del 66,7% ad agosto rispetto al mese precedente.

“La situazione peggiora di giorno in giorno. Molte persone non possono accedere al cibo per una serie di motivi, tra cui l’aumento dei prezzi e la disponibilità limitata di alimenti. Allo stesso tempo, non ci sono quasi del tutto opportunità lavorative “, ha detto Samer AbdelJaber, Rappresentante e Direttore del WFP in Libia. “Le persone sono sempre meno capaci di fare fronte alle crescenti pressioni. In momenti come questi, quando è sempre più difficile soddisfare i bisogni di base, il sostegno alimentare diventa ancora più un imperativo”.

Le persone riceveranno cibo pronto all’uso prodotto localmente, attività che sostiene l’economia locale. Il cibo non richiederà alcuna cottura, un aiuto per le persone in un momento in cui i prezzi del combustibile per cucinare sono in aumento. 

I pacchi di alimenti di emergenza ricchi di micronutrienti e pronti all’uso, che forniscono cibo sufficiente per un mese, includono hummus, fagioli in scatola, tonno in scatola, halawa (crema a base di pasta di semi di sesamo e zucchero) e barrette di datteri. Ogni confezione copre il 53 per cento del fabbisogno calorico giornaliero di una persona in salute (circa 1.100 chilocalorie). 

Il fabbisogno alimentare nelle nuove aree è stato valutato attraverso verifiche rapide del WFP che hanno indicato come, in media, un intervistato su due mostrava un consumo alimentare scarso o ai limiti. La maggioranza degli intervistati ha riportato una frequenza significativamente più alta di utilizzo di strategie negative di adattamento, come saltare i pasti in assenza di cibo sufficiente. Il 73 per cento degli intervistati ha riferito di non avere cibo a casa, mentre il 69 per cento di non avere avuto nell’ultimo mese possibilità finanziarie per acquistare cibo.

“La pandemia di coronavirus ha avuto un effetto negativo sui nostri pasti quotidiani”, ha detto Bashir, rifugiato sudanese di 29 anni arrivato in Libia per lavori alla giornata. “Non c’è più lavoro, quindi non ci sono soldi. Non riusciamo a comprare il cibo. In alcuni giorni, se possiamo prendere in prestito un dinaro, compriamo il pane per riempirci lo stomaco. Questo è il cibo con cui sopravviviamo”. 

Entrambe le agenzie hanno segnalato aumenti nelle richieste di assistenza alimentare negli ultimi mesi. Durante gli incontri online di luglio del Direttore del WFP con i sindaci in Libia, in ogni conversazione il cibo era in cima alla lista di bisogni principali, con richieste di assistenza aggiuntiva. In Libia, il WFP sostiene anche gli sfollati colpiti dalla crisi, i rimpatriati e le popolazioni non sfollate, comprese le comunità ospitanti e i giovani studenti.

Tra coloro che continueranno ad essere assistiti nell’ambito del progetto di assistenza alimentare congiunto ci sono rifugiati e richiedenti asilo recentemente rilasciati dai centri di detenzione. Più di 20 persone, inclusi minori, hanno ricevuto assistenza all’inizio di questo mese dopo essere stati rilasciati dal centro di detenzione di Triq al Sikka. Questo tipo di assistenza supporta soluzioni alternative alla detenzione aiutando a soddisfare i bisogni primari delle persone al di fuori dei centri.

“L’aiuto che forniamo nell’ambito di questo progetto è salvavita”, ha detto Jean-Paul Cavalieri, Capo della missione dell’UNHCR. “È particolarmente cruciale per coloro che sono appena usciti dalla detenzione, che inizialmente faticano a mantenersi in contesti urbani”.

L’ampliamento delle distribuzioni alimentari, sostenuta dal Fondo Fiduciario di Emergenza dell’Unione Europea per l’Africa (EUTF Africa), ha avuto inizio nel fine settimana presso il centro di distribuzione del WFP a Zawiya. In questa seconda fase verranno raggiunti ulteriori 6.000 rifugiati e richiedenti asilo, con 10.000 persone destinatarie dell’assistenza fino alla fine di quest’anno.

 Il personale del WFP e dell’UNHCR, così come i loro partner, continueranno a garantire durante le distribuzioni le misure precauzionali contro il COVID-19, come l’uso degli strumenti di protezione personale, il distanziamento sociale, la sanificazione e il controllo avanzato degli assembramenti.

                                       #                           #                            #

Il World Food Programme delle Nazioni Unite è la più grande organizzazione umanitaria al mondo, impegnata a salvare vite nelle emergenze, promuovere il benessere e sostenere un futuro sostenibile per le popolazioni che si stanno riprendendo da conflitti, disastri e dall’impatto del cambiamento climatico.

L’UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, guida l’azione internazionale per proteggere le persone costrette a fuggire dalle proprie case a causa di conflitti e persecuzioni. Forniamo assistenza salvavita come riparo, cibo e acqua, aiutiamo a salvaguardare i diritti umani fondamentali e sviluppiamo soluzioni che garantiscono alle persone un posto sicuro da identificare come casa dove possono costruire un futuro migliore.

Attualità

Lanciata in tutta Europa la versione aggiornata di HealthBuddy+,...

WHO/Europa e UNICEF hanno lanciato una versione aggiornata dell'app HealthBuddy+, ideata per tutelare il...

UN/DESA-MAECI: 2020/2021 Fellowships Programme for Technical Cooperation Capacity Building...

Riceviamo e volentieri diffondiamo il bando per la Fellowship finanziato dal Ministero degli Affari...

Yemen: aumenta la malnutrizione nei bambini mentre peggiorano le...

Allarme delle Nazioni Unite: si stima che un bambino su cinque al di sotto...

Il Consiglio di Sicurezza celebra il 20° anniversario della...

Media advisory: UN Security Council marks 20 years of Women, Peace and Security As Security...

Commento del Segretario Generale sul Concerto per la Giornata...

THE SECRETARY-GENERAL  REMARKS AT UNITED NATIONS DAY CONCERT  New York, 22 October 2020  Dear friends and colleagues, It...