Azioni ambiziose per sfruttare il potenziale economico dei mari e preservare la biodiversità marina

Salvare l’oceano, proteggere il futuro

Nella terza giornata della Conferenza delle Nazioni Unite sugli oceani, i delegati hanno presentato azioni ambiziose per sfruttare il potenziale economico dei mari e preservare la biodiversità marina.

Sulla scia del primo accordo multilaterale giuridicamente vincolante dell’OMC sui sussidi alla pesca e la sostenibilità degli oceani, la Conferenza ha registrato un crescente impulso a intensificare gli sforzi per rendere la pesca sostenibile e garantire l’accesso dei piccoli pescatori alle risorse marine e ai mercati. Tra i numerosi annunci, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) ha lanciato il rapporto “State of World Fisheries and Aquaculture“.

Con il riconoscimento l’oceano è il più grande alleato del mondo contro il cambiamento climatico. In un altro dialogo interattivo tenutosi a margine della Conferenza delle Nazioni Unite sugli oceani, gli esperti hanno sottolineato che la riduzione delle emissioni è il modo migliore per salvaguardare i diversi ecosistemi e impedire l’estinzione della vita marina.

Per saperne di più sulla Conferenza, consultate i punti salienti della terza giornata e le risorse riportate di seguito.

***

I livelli record di produzione della pesca e dell’acquacoltura stanno contribuendo in modo decisivo alla sicurezza alimentare globale, secondo quanto emerso mercoledì dalla Conferenza delle Nazioni Unite sugli oceani in corso a Lisbona, in Portogallo. Per saperne di più.

***

“Peter Thomson, inviato speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite per gli oceani, e i relatori dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) e del Katosi Women Development Trust in Uganda hanno discusso di come la crescente domanda di pesce e altri alimenti acquatici stia rapidamente cambiando – e mettendo a dura prova – il settore della pesca e dell’acquacoltura. “Credo che le cose stiano cambiando”, ha detto, sottolineando la necessità di finanziare le soluzioni che vengono sviluppate. “L’azione è una questione di soldi, mettete le mani in tasca e fatelo”, ha concluso Thomson. Lasciatevi ispirare dalla discussione.

***

“Considerate il vostro impatto sulla natura. Tutti hanno un impatto e tutti hanno un potere. Questo è il momento, un momento critico […] Agite! Abbiamo la migliore occasione di sempre. ” – La biologa marina e oceanografa Sylvia Earle, 86 anni, è presente alla Conferenza delle Nazioni Unite sugli oceani per invitare le persone di tutto il mondo a #SaveOurOcean. Diffondete il messaggio.

***

La città di New Bedford, nel Massachusetts, negli Stati Uniti, ospita una grande comunità di pescatori portoghesi che resistono al cambiamento climatico e guidano l’economia blu. Rui Branco, un pescatore di capesante e un esperto di biologia marina, vi porta ad esplorare la cultura e la storia della pesca in questa città. Guarda qui.

Attualità