A-Z Indice del sito

Coronavirus: miti da sfatare

MITO: Non è sicuro ricevere una lettera o un pacco dalla Cina

Sì, è sicuro. Le persone che ricevono pacchi dalla Cina non sono a rischio di contrarre il nuovo coronavirus. Dall’analisi precedente, sappiamo che i coronavirus non sopravvivono a lungo su oggetti, come lettere o pacchetti.

MITO: Gli animali domestici possono diffondere il coronavirus

Attualmente non vi sono prove che animali da compagnia/animali domestici come cani o gatti possano essere infettati dal coronavirus. Tuttavia, è sempre una buona idea lavarsi le mani con acqua e sapone dopo il contatto con gli animali domestici. Questo vi protegge da vari batteri comuni come l’E. coli e la Salmonella che possono passare dagli animali domestici agli esseri umani.

MITO: I vaccini contro la polmonite possono proteggervi contro il coronavirus

No. I vaccini contro la polmonite, come il vaccino pneumococcico e il vaccino Haemophilus influenza tipo B (Hib), non forniscono protezione contro il nuovo coronavirus. Il virus è così nuovo e diverso che ha bisogno di un proprio vaccino. I ricercatori stanno cercando di sviluppare un vaccino contro il 2019-nCoV, e l’OMS sta sostenendo i loro sforzi. Anche se questi vaccini non sono efficaci contro il 2019-nCoV, la vaccinazione contro le malattie respiratorie è altamente raccomandata per proteggere la salute.

MITO: Risciacquare regolarmente il naso con soluzione fisiologica aiuterà a prevenire l’infezione da coronavirus

No. Non ci sono prove che il risciacquo regolare del naso con la soluzione fisiologica abbia protetto le persone dall’infezione con il nuovo coronavirus. Vi sono prove limitate che il risciacquo regolare del naso con la soluzione fisiologica possa aiutare le persone a guarire più rapidamente dal comune raffreddore. Tuttavia, il risciacquo regolare del naso non ha dimostrato di prevenire le infezioni respiratorie.

MITO: I gargarismi con il collutorio possono proteggere dall’infezione da coronavirus

No. Non ci sono prove che l’uso del collutorio protegga dall’infezione con il coronavirus. Alcune marche o collutori possono eliminare alcuni microbi nella saliva della bocca per qualche minuto. Tuttavia, questo non significa che vi proteggano dall’infezione da 2019-nCoV.

MITO: Mangiare aglio aiuta a prevenire l’infezione da coronavirus

L’aglio è un alimento sano che può avere alcune proprietà antimicrobiche. Tuttavia, per l’attuale epidemia, non ci sono prove che il consumo di aglio abbia protetto le persone dal coronavirus.

MITO: Mettere l’olio di sesamo può bloccare l’ingresso nel corpo del coronavirus

No. L’olio di sesamo non uccide il coronavirus. Vi sono alcuni disinfettanti chimici che possono uccidere il 2019-nCoV sulle superfici. Questi includono disinfettanti a base di candeggina e cloro, solventi, etanolo al 75%, acido peracetico e cloroformio. Tuttavia, hanno un impatto minimo o nullo sul virus se li si mette sulla pelle o sotto il naso. Può anche essere pericoloso mettere queste sostanze chimiche sulla pelle.

MITO: Il coronavirus colpisce solo le persone anziane

Persone di tutte le età possono essere infettate dal nuovo coronavirus (2019-nCoV). Gli anziani e le persone con patologie preesistenti (come asma, diabete, malattie cardiache) sembrano essere più vulnerabili ad ammalarsi gravemente. L’OMS consiglia alle persone di tutte le età di adottare misure per proteggersi dal virus, ad esempio seguendo una buona igiene delle mani e una buona igiene respiratoria.

MITO: Gli antibiotici sono efficaci nella prevenzione e nel trattamento del coronavirus

No, gli antibiotici non funzionano contro i virus, solo contro i batteri. Il nuovo coronavirus (2019-nCoV) è un virus e, pertanto, gli antibiotici non dovrebbero essere utilizzati come mezzo di prevenzione o di trattamento. Tuttavia, se si è ricoverati in ospedale per il 2019-nCoV, si possono ricevere antibiotici perché è possibile una coinfezione batterica.

MITO: Esistono farmaci specifici per prevenire o curare il coronavirus

Ad oggi non esiste un farmaco specifico consigliato per prevenire o trattare il nuovo coronavirus (2019-nCoV). Tuttavia, coloro che sono stati infettati dal virus dovrebbero ricevere cure adeguate per alleviare e trattare i sintomi, e coloro che sono affetti da malattie gravi dovrebbero ricevere un’assistenza di supporto ottimizzata. Alcuni trattamenti specifici sono in fase di studio e saranno testati attraverso studi clinici. L’OMS sta contribuendo ad accelerare gli sforzi di ricerca e sviluppo con una gamma o partner.

Attualità

Il Segretario Generale nomina l’italiana Alice Shackelford coordinatrice residente...

United Nations Secretary-General António Guterres has appointed Alice Shackelford of Italy as the Organization’s...

La FAO accoglie ulteriori 15 milioni di euro da...

Un sostegno continuo è fondamentale mentre nuovi sciami minacciano l’Africa orientale, lo Yemen e...

Editoriale del Segretario Generale pubblicato dal Corriere della Sera

Il Corriere della Sera ha pubblicato l'editoriale del Segretario Generale delle Nazioni Unite Antonio...

Conferenza sul Sudan – Comunicato finale

The high-level Sudan Partnership Conference was held in Berlin in support of the Transitional...

Amina Mohammed evoca il ruolo degli uomini per mettere...

"Around the world, violence against women and girls, including rape, is skyrocketing. Many incidents have...