A-Z Indice del sito

Messaggio del Segretario Generale in occasione della Giornata Mondiale degli Popoli Indigeni del Mondo

 Il Segretario Generale

MESSAGGIO IN OCCASIONE DELLA GIORNATA INTERNAZIONALE DEI POPOLI INDIGENI DEL MONDO

 

9 agosto 2020

 

Il COVID-19 ha avuto effetti devastanti su più di 476 milioni di indigeni nel mondo.

Storicamente, i popoli indigeni sono stati decimati da malattie portate da altrove contro cui non possedevano alcuna immunità.

È fondamentale per gli Stati movimentare le risorse necessarie per fronteggiare le loro esigenze, onorarne il contributo e rispettarne i diritti inalienabili.

Prima della pandemia attuale, le popolazioni indigene si trovavano già in una situazione consolidata di disparità, stigmatizzazione e discriminazione nei propri confronti.

L’accesso inadeguato alle cure mediche, all’acqua potabile e ai servizi igienici accresce la loro vulnerabilità.

Gli indigeni sono attivi soprattutto negli impieghi tradizionali e nelle economie di sussistenza o nel settore informale, tutti ambiti che hanno risentito della pandemia.

Le donne indigene, che di solito sono le principali incaricate di alimentare e nutrire le proprie famiglie, sono state colpite in modo particolarmente duro dalla chiusura dei mercati di prodotti artigianali, ortofrutticoli e di altri beni.

Dobbiamo inoltre affrontare tempestivamente la problematica dei bambini indigeni che non hanno accesso alle opportunità di apprendimento a distanza.

In ogni parte del mondo gli indigeni sono sempre stati in prima linea nel domandare un’azione ambientale e climatica.

Durante la crisi, la mancata applicazione delle norme di tutela ambientale ha portato a un crescente sconfinamento nei territori indigeni da parte di minatori e boscaioli illegali.

Molti indigeni sono stati vittime di minacce e violenze, e in tanti hanno perso la vita.

Le popolazioni indigene hanno dimostrato una resilienza straordinaria di fronte a tali minacce.

Le comunità indigene con autonomia per gestire le proprie terre, i terreni e le risorse hanno garantito la sicurezza alimentare e le cure sanitarie attraverso la coltivazione e la medicina tradizionali.

In Thailandia il popolo Karen ha reintrodotto il rituale ancestrale di “Kroh Yee” – che consiste nel chiudere il villaggio – per combattere la pandemia.

Simili strategie sono state applicate in altri Paesi dell’Asia e dell’America Latina, dove le comunità hanno impedito l’ingresso alle loro zone.

Realizzare i diritti degli indigeni significa garantire la loro inclusione e partecipazione alle misure di risposta e ripresa al COVID-19.

È doveroso coinvolgere i popoli indigeni in tutte le iniziative orientate a ricostruirci in maniera più solida e riprenderci al meglio.

Fin dall’inizio della pandemia globale, gli organi delle Nazioni Unite hanno lavorato per tutelare i diritti degli indigeni.

Abbiamo contribuito a salvaguardare la salute e la sicurezza e fornire accesso a protezione sociale e opportunità economiche.

Il sistema delle Nazioni Unite continua a impegnarsi per far diventare realtà la Dichiarazione delle Nazioni Unite sui Diritti dei Popoli Indigeni e per sostenere la loro resilienza.

 

Attualità

Lanciata in tutta Europa la versione aggiornata di HealthBuddy+,...

WHO/Europa e UNICEF hanno lanciato una versione aggiornata dell'app HealthBuddy+, ideata per tutelare il...

UN/DESA-MAECI: 2020/2021 Fellowships Programme for Technical Cooperation Capacity Building...

Riceviamo e volentieri diffondiamo il bando per la Fellowship finanziato dal Ministero degli Affari...

Yemen: aumenta la malnutrizione nei bambini mentre peggiorano le...

Allarme delle Nazioni Unite: si stima che un bambino su cinque al di sotto...

Il Consiglio di Sicurezza celebra il 20° anniversario della...

Media advisory: UN Security Council marks 20 years of Women, Peace and Security As Security...

Commento del Segretario Generale sul Concerto per la Giornata...

THE SECRETARY-GENERAL  REMARKS AT UNITED NATIONS DAY CONCERT  New York, 22 October 2020  Dear friends and colleagues, It...