A-Z Indice del sito

Yemen: aumenta la malnutrizione nei bambini mentre peggiorano le condizioni nel paese

Allarme delle Nazioni Unite: si stima che un bambino su cinque al di sotto dei cinque anni in alcune zone dello Yemen sia gravemente malnutrito e abbia urgente bisogno di cure, con casi di malnutrizione in aumento in tutto il sud del paese.

 ADEN  – Secondo l’ultima analisi della Classificazione Integrata delle Fasi di Sicurezza Alimentare (IPC) sulla malnutrizione acuta, pubblicata oggi da FAO, UNICEF, WFP e dai partner, i tassi di malnutrizione acuta tra i bambini sotto i cinque anni sono i più alti mai registrati in alcune zone dello Yemen, con oltre 500.000 casi nei distretti meridionali.

 L’analisi – che riguarda solo 133 distretti nelle zone meridionali dello Yemen, dove vivono 1,4 milioni di bambini sotto i cinque anni – rivela un aumento di quasi il 10% dei casi di malnutrizione acuta nel 2020. L’aumento maggiore si registra nei casi di bambini piccoli che soffrono di malnutrizione acuta grave, con un aumento del 15,5% nel 2020. Senza un trattamento urgente per la malnutrizione acuta grave, almeno 98.000 bambini sotto i cinque anni rischiano di morire.

 Una pericolosa combinazione di fattori, dovuta al conflitto e al declino economico, aggrava la situazione dei bambini più piccoli dello Yemen. Nelle aree più colpite incluse in questa analisi – Abyan lowlands (23%), Lahj lowlands (21%), Taiz lowlands (22%) – circa un bambino su cinque soffre di malnutrizione acuta. Nelle pianure di Hodeidah, più di un bambino su quattro (il 27% dei bambini) soffre di malnutrizione acuta.

 Almeno 250.000 donne in stato di gravidanza o di allattamento hanno bisogno di cure per la malnutrizione. Gli esperti ONU avvertono che il numero reale è probabilmente più alto poiché le cause della malnutrizione nello Yemen sono peggiorate nel 2020.

 Lo Yemen ha a lungo dovuto affrontare alcuni dei tassi di malnutrizione più alti nel mondo. Fino ad oggi, gli interventi umanitari per curare e prevenire la malnutrizione, oltre a fornire assistenza alimentare d’emergenza, hanno impedito un deterioramento ancora più grave. Ma nel 2020, questi risultati, duramente conquistati, andranno persi. La crescita dei conflitti e il declino economico, oltre al forte impatto della pandemia di COVID-19, hanno spinto una popolazione già stremata sull’orlo del baratro. A ciò si aggiunge il fatto che molti progetti di aiuto, tra cui l’assistenza alimentare d’emergenza e i servizi idrici e igienico-sanitari, sono stati interrotti a causa della carenza di fondi. Anche i programmi di cura della malnutrizione sono a rischio se non si riceveranno presto finanziamenti aggiuntivi.

 Questi fattori si aggiungono ad altri che storicamente hanno reso lo Yemen uno dei luoghi più difficili in cui essere madre o figlio: regimi alimentari insufficienti e di scarsa qualità, alta diffusione di malattie trasmissibili, elevati livelli di insicurezza alimentare, accesso limitato ai servizi per la nutrizione e sanitari, servizi igienico-sanitari carenti e l’impossibilità per molti bambini di accedere a vaccini importanti, come quelli per il morbillo e la poliomielite.

 I dati per i restanti distretti dello Yemen settentrionale sono ancora in fase di analisi. In base alle tendenze passate, la situazione in queste aree dovrebbe presentarsi altrettanto preoccupante.

 “È da luglio che avvertiamo che lo Yemen è sull’orlo di una catastrofica crisi della sicurezza alimentare. Se non si pone fine ora alla guerra, ci avvicineremo a una situazione irreversibile e rischieremo di perdere un’intera generazione di bambini yemeniti”, ha dichiarato Lise Grande, Coordinatrice umanitaria per lo Yemen. “I dati che pubblichiamo oggi confermano che la malnutrizione acuta tra i bambini sta raggiungendo i livelli più alti che abbiamo visto dall’inizio della guerra”.

 “Nei due anni passati, siamo riusciti ad evitare quella che sarebbe stata la peggiore carestia di una generazione, fornendo una massiccia assistenza umanitaria e lavorando con le autorità per stabilizzare i fattori economici alla base della crisi”, ha spiegato Lise Grande. “E’ una situazone che spezza il cuore, quando le persone hanno maggiormente bisogno di noi e noi non possiamo fare quello di cui c’è bisogno perché mancano i fondi”.

 “Sono in gioco le vite di migliaia di bambini e di donne. La malnutrizione acuta può essere curata e prevenuta con pacchetti di servizi chiave, ma per questo abbiamo bisogno di azioni urgenti e di sostegno. Dovrebbe prevalere un grande senso di urgenza, mettendo a disposizione le risorse finanziarie necessarie e assicurando l’accesso ai bambini e alle donne che hanno estremo bisogno di assistenza”, ha detto Philippe Duamelle, rappresentante dell’UNICEF per lo Yemen.

 “Il peggioramento della situazione nutrizionale indicata in quest’ultima analisi sottolinea il bisogno urgente di fare in modo che ogni ragazza, ragazzo, donna e uomo in Yemen abbia accesso a regimi alimentari sani e diversificati ora e nel futuro”, ha detto Hussein Gadain, Rappresentante della FAO in Yemen. “Ciò significa costruire, ripristinare e sostenere sistemi alimentari in Yemen, ampliando immediatamente gli sforzi per proteggere i mezzi di sussistenza delle persone e metterle nelle condizioni di produrre, vendere e consumare cibi vari e nutrienti anche durante questi periodi di crisi estrema” 

“Il circolo vizioso di conflitti e fame nello Yemen sta costando molto caro a quanti sono già tra i più vulnerabili. L’aumento dei tassi di malnutrizione acuta sta mettendo a rischio troppe donne e bambini mentre le conseguenze si faranno sentire nel paese per generazioni a venire. Possiamo fermare questa devastante tendenza. Bisogna agire ora”, ha detto Laurent Bukera, Direttore del WFP in Yemen.

Lo Yemen rimane la peggiore crisi umanitaria al mondo. Circa l’80 per cento della popolazione – oltre 24 milioni di persone – ha bisogno di una qualche forma di assistenza umanitaria e protezione. A metà ottobre, sono stati ricevuti solo 1,43 miliardi di dollari, sui 3,2 miliardi necessari per il 2020.

###

Per immagini video, cliccare qui.

Per foto, cliccare qui.

#                                  #                                  #

L’agenzia ONU World Food Programme è stata insignita del Premio Nobel per la Pace 2020. Impegnata a salvare vite nelle emergenze, siamo la più grande organizzazione umanitaria al mondo la cui assistenza alimentare vuole costruire un percorso di pace, stabilità e prosperità per quanti si stanno riprendendo da conflitti, disastri e dall’impatto del cambiamento climatico.

Seguici su Twitter @wfp_it, @WFP, @WFPYemen

Attualità

IMO: Il progetto GloFouling e il nuovo film “Ocean...

Il progetto IMO Glofouling Partnerships, che mira a proteggere gli ecosistemi marini dagli effetti...

Mobile Film Festival – Generation Equality!

Dopo due edizioni dedicate ai cambiamenti climatici nel 2015 e 2019 e ai diritti...

FAO: Come vincere le sfide idriche nel settore agricolo

Il rapporto faro della FAO dal titolo Lo Stato dell’alimentazione e dell’agricoltura (SOFA) 2020...

L’Assemblea Generale ONU conferma Filippo Grandi a capo di...

  Following the recommendation of the Secretary-General, after consultation with Member States, the General Assembly...

Conferenza internazionale – I linguaggi della violenza tra mondo...

Riceviamo e volentieri divulghiamo questa iniziativa per la Giornata Internazionale per l'Eliminazione della Violenza...