Continua a giugno il caldo record

La temperatura media globale è stata di 1,5°C al di sopra dell’era preindustriale per 12 mesi consecutivi, secondo i nuovi dati pubblicati dal servizio Copernicus sui cambiamenti climatici dell’Unione Europea. Un giugno da record.
È stato il giugno più caldo mai registrato nel mondo e il 13° mese di fila a stabilire un record mensile di temperatura. Anche se insolito, una striscia simile di record mensili di temperatura globale si era già verificata nel 2015/2016.

Secondo i dati del Copernicus Climate Change Service ERA5, il mese ha superato di 1,50°C la media stimata di giugno per il periodo 1850-1900, il periodo di riferimento preindustriale. Questo è il 12° mese consecutivo a raggiungere o superare la soglia di 1,5°C.

La temperatura media globale per gli ultimi 12 mesi (luglio 2023 – giugno 2024) è di 1,64°C al di sopra della media preindustriale del 1850-1900, secondo il dataset ERA5.

La temperatura superficiale del mare (SST) media per giugno 2024 su 60°S-60°N è stata di 20,85°C, il valore più alto registrato per il mese. Questo è il quindicesimo mese consecutivo in cui la SST è stata la più calda nel record dei dati ERA5 per il rispettivo mese dell’anno.

“Questi ultimi dati del Copernicus Climate Change Service evidenziano purtroppo che supereremo temporaneamente e con sempre maggiore frequenza il livello di 1,5°C su base mensile. Tuttavia, è importante sottolineare che i superamenti temporanei non significano che l’obiettivo di 1,5 °C sia definitivamente perso, perché si riferisce al riscaldamento a lungo termine per almeno due decenni”, ha dichiarato il segretario generale dell’OMM Celeste Saulo.

Con l’Accordo di Parigi, i Paesi hanno concordato di mantenere la temperatura media globale di superficie a lungo termine ben al di sotto dei 2°C rispetto ai livelli preindustriali e di proseguire gli sforzi per limitarla a 1,5°C entro la fine di questo secolo.

A graph shows monthly global surface temperature increases above pre-industrial levels from 1940-2024, highlighting a noticeable rise in 2023-2024. Data credits: ERA5, C3S/ECMWF.

La comunità scientifica ha ripetutamente avvertito che un riscaldamento superiore a 1,5°C rischia di scatenare impatti molto più gravi sui cambiamenti climatici e fenomeni meteorologici estremi e ogni frazione di grado di riscaldamento è importante. 

Anche ai livelli attuali di riscaldamento globale, ci sono già impatti climatici devastanti.Tra questi, ondate di calore più intense, eventi piovosi estremi e siccità; riduzione delle lastre di ghiaccio, dei ghiacci marini e dei ghiacciai; accelerazione dell’innalzamento del livello del mare e riscaldamento degli oceani. 

“A giugno si sono verificate ondate di calore diffuse e prolungate in molti Paesi, con un forte impatto su tutti gli aspetti della vita delle persone. Questo è avvenuto anche prima del tradizionale picco dell’estate dell’emisfero settentrionale, che senza dubbio vedrà un caldo più estremo.Le temperature record della superficie del mare sono fonte di grande preoccupazione per i vitali ecosistemi marini e forniscono anche l’energia necessaria a sovraccaricare i cicloni tropicali, come abbiamo visto con l’uragano Beryl”, ha dichiarato Celeste Saulo. 

L’OMM utilizza sei set di dati internazionali, tra cui l’ERA5, per il monitoraggio dello stato del clima.

È importante notare che altri set di dati potrebbero non confermare la striscia di 12 mesi evidenziata da Copernicus Climate Change Service, a causa dei margini relativamente ridotti al di sopra di 1,5°C delle temperature globali ERA5 per i mesi di luglio e agosto 2023, maggio e giugno 2024 e delle differenze tra i vari set di dati.Il servizio Copernicus sui cambiamenti climatici è implementato dal Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio raggio per conto della Commissione europea con il finanziamento dell’UE.Pubblica regolarmente bollettini climatici mensili.”Anche se questa specifica serie di eventi estremi prima o poi termina, siamo destinati a vedere nuovi record infranti, dato che il clima continua a riscaldarsi.È inevitabile, a meno che non smettiamo di aggiungere gas serra nell’atmosfera e negli oceani”, ha dichiarato Carlo Buontempo, direttore del Servizio Cambiamenti Climatici di Copernicus. 

Un grafico mostra gli aumenti mensili della temperatura superficiale globale al di sopra dei livelli pre-industriali dal 1940 al 2024, evidenziando un notevole aumento nel 2023-2024. 

A global map showing sea surface temperature anomalies in June 2024. Color-coded from coolest (dark blue) to warmest (dark red), with warmer than average areas dominating. Data from ERA5 1979-2024.

   

Per saperne di più clicca qui.

Attualità