Gaza – Dichiarazione alla stampa di Philippe Lazzarini (UNRWA)

Ginevra, 13 febbraio – Ho appena avuto un briefing di due ore con gli Stati membri. Fondamentalmente, abbiamo parlato della situazione a Rafah, che è molto, molto preoccupante e, come sapete, la gente è in ansia e teme una possibile operazione militare su larga scala.
Se questa operazione militare avrà luogo, la domanda è: “Dove andranno i civili?”. A Rafah non c’è più alcun luogo sicuro. Il timore è che il numero di persone uccise e ferite possa nuovamente aumentare in modo significativo in un conflitto in cui, ricordo, sono già state uccise o ferite o disperse più di 100.000 persone.
Il che significa che, tra quattro mesi, [se] al 5% della popolazione – e stiamo ancora parlando della più grande offensiva militare in mezzo a un mare di sfollati – verrà chiesto di spostarsi, la domanda è: “Dove spostarsi?”. Se ci si trova a Rafah, dal confine a Beit Lahia, che è un tratto di 20 chilometri, si vedono solo [rifugi] di fortuna in plastica dove vivono già centinaia di migliaia di persone.
Poi abbiamo parlato delle accuse relative al personale di 12 persone. Ho ricordato tutte le azioni intraprese dall’agenzia, iniziando con il licenziamento degli appaltatori.
Abbiamo quindi avviato un’indagine. Ho chiesto la collaborazione per questa indagine e ho ricordato che è della massima importanza che anche il governo di Israele collabori, in modo da avere qualcosa in più rispetto alle accuse che sono state condivise con me. Come sapete, il Segretario generale ha anche commissionato una revisione di tutti i sistemi di gestione del rischio dell’organizzazione, soprattutto per quanto riguarda le questioni di neutralità.
Tutte queste accuse sull’uso dei social media, sul tunnel, sulle armi, sull’affiliazione politica – tutto questo deve essere rivisto per vedere quanto l’agenzia sia proattiva nel prevenire, prima, ma [anche] una volta che un’accusa si verifica, come rispondiamo a questo?
Quindi, ci aspettiamo che questa revisione si svolga nei prossimi due mesi. Inizierà da domani e, come Agenzia, ci impegniamo a mettere in pratica le sue raccomandazioni.
Avete sentito anche le accuse relative al tunnel scoperto nel fine settimana a 20 metri sotto la sede centrale. Ho anche detto agli Stati membri che, una volta finita la guerra, abbiamo bisogno di una commissione d’inchiesta. Dobbiamo esaminare tutte le situazioni in cui le sedi delle Nazioni Unite sono state palesemente violate. Dall’inizio della guerra, sono state colpite più di 150 installazioni. Sappiamo che alcune installazioni sono state completamente distrutte. Centinaia di persone sono state uccise, migliaia sono state ferite, e tutto questo deve essere indagato in modo indipendente, insieme alla presunta presenza di un tunnel.
Ho anche parlato con gli Stati membri di tutti questi appelli allo smantellamento dell’UNRWA, alla sua cessazione.
E ho messo in guardia sull’impatto. Ho detto che queste richieste sono miopi. L’impatto non è solo a breve termine. Non si tratta solo di indebolire la nostra capacità collettiva di rispondere alla crisi umanitaria in un momento, voglio ricordarlo, in cui la Corte internazionale di giustizia ha chiesto di aumentare la risposta.Allo stesso tempo, si chiede di indebolirla.Ma il vero impatto non è solo adesso. È anche durante quella che definirei la “fase di transizione”: questi lunghi giorni intermedi prima della fine delle ostilità militari attive e il giorno dopo, quando sul tavolo c’è un solido pacchetto politico.E sappiamo tutti che questo periodo può essere estremamente doloroso; può essere un periodo di miseria.È un periodo in cui nessuno investe veramente nella Striscia di Gaza.
Ma allo stesso tempo, abbiamo mezzo milione di ragazze e ragazzi profondamente traumatizzati che dobbiamo urgentemente riportare in un sistema educativo.
E questo non sarà fornito da un’amministrazione locale emergente. Non c’è assolutamente nessun’altra agenzia delle Nazioni Unite o ONG che sia stata incaricata negli ultimi vent’anni di fornire servizi simili a quelli del governo, come l’istruzione, a centinaia di migliaia di bambini.
Se vogliamo dare una possibilità di successo a qualsiasi transizione futura, dobbiamo anche assicurarci che la comunità internazionale abbia gli strumenti necessari, e uno di questi strumenti è l’UNRWA.
Siamo un’agenzia temporanea che purtroppo dura da 75 anni perché non c’è stata alcuna soluzione politica.
Forse, dopo il cataclisma che ha colpito la regione di Gaza, potrebbe essere giunto il momento di trovare una soluzione politica, e sarebbe un disastro se, appena prima, ci liberassimo del mandato e di un’agenzia come l’UNRWA.
Grazie.
Per saperne di più clicca qui.

Attualità